source site MISSION

go site  

Ararat nasce dall’incontro tra il ‘sogno’ di un Armeno e il desiderio di un imprenditore georgiano di cambiare il format classico della ristorazione etnica nel mondo. Questo nuovo format ha come obiettivi la qualità e l’unicità dell’esperienza del cliente senza andare a discapito della qualità e della convenienza. In sintesi, la cura e la qualità di un ristorante raffinato, fruibili per tutti coloro che, soprattutto a pranzo, hanno necessità di mangiare in modo anche economico.

 

LE SCELTE STRATEGICHE

go here  

Un ambiente raffinato e moderno in linea con le nuove richieste del mercato in un format riproducibile.
Per questo la scelta di affidare il progetto ad un giovane architetto italiano di talento. Giovane, perché solo i giovani hanno la capacità di raccogliere le sfide dell’architettura contemporanea con un approccio etico innovativo. Italiano, perché si ritiene che gli architetti del nostro Paese rappresentino un’eccellenza tecnica e professionale nel mondo. Il progetto è stato realizzato dal giovane architetto fiorentino Camilla Ammannati che ha dimostrato come tradizione e modernità possano convivere in maniera assolutamente armonica.

source site PERCHÉ L’ ABBINAMENTO DI DUE CUCINE

 

Quella Armena è considerata una delle cucine più antiche dell’area del Mediterraneo e la contaminazione è insita nella sua tradizione. Seppur magra e leggera è ricchissima di piatti di carne e, in Ararat, trova il suo perfetto completamento con quella georgiana, basata soprattutto sulle verdure. Un format che risponde anche alle nuove tendenze del mercato che guardano alla cucina vegetariana.

 

PERCHÉ FIRENZE

 

Firenze è una delle città più conosciute al mondo, uno scrigno di tesori che ha affascinato artisti e letterati, oggi polo di attrazione turistica di eccellenza. Vista dall’alto appare superba, bella, quasi addormentata dal tempo. Una città complessa che cattura subito l’immaginazione di chi la visita. Scegliere un luogo tanto ricco di storia per l’incontro con culture diverse è una sfida difficile e affascinante. Ma non solo. Gli italiani sono un popolo di cuochi, ma soprattutto di buongustai che amano mangiare bene… ed ecco in sintesi la vera sfida del format Ararat: confrontarsi, da una parte, con clienti molto esigenti in termini di qualità e varietà dei cibi e, dall’altra, con un turismo di sicura eccellenza.